Celebriamo la lettura: i miti greci

23 Aprile 2020

Si celebra oggi la Giornata Mondiale del Libro, evento patrocinato dall’UNESCO per la promozione della lettura, la cui data è stata scelta in quanto il 23 aprile è il giorno in cui, nel lontano 1616, sono morti i tre famosi scrittori Miguel de Cervantes, Inca Garcilaso de la Vega e William Shakespeare, seppur secondo il calendario gregoriano i primi due e quello giuliano il terzo.

È un’occasione per lasciarci affascinare dal mondo fantastico dei libri, che con la loro magia ci fanno esplorare terre sconosciute e vivere avventure straordinarie. La nostra avventura non poteva che portarci in Grecia!

Giornata mondiale della lettura: alla riscoperta dei miti greci

 

La meravigliosa terra ellenica infatti non finisce mai di stupire per la sua natura incontaminata, il mare dalle mille sfumature di blu, i suoi siti archeologici, la sua arte. Chi non è rimasto ammaliato dalla lettura di classici come l’Iliade e l’Odissea o dalla scoperta dei tanti miti greci? 

I miti, in particolare, ci sanno incantare con i racconti sull’origine del mondo e sulla vita e sulle peripezie di dei, eroi e creature mitologiche proprie della Grecia antica. Nati dall’esigenza dell’uomo di interrogarsi su questioni cruciali quando la filosofia e la scienza ancora non erano alla portata di tutti, con il passare del tempo i miti greci hanno perso la loro originaria finalità e sono diventati dei veri e propri racconti letterari. 

 

Giornata mondiale della lettura: alla riscoperta dei miti greci

Quali tra i personaggi della letteratura e della mitologia vi sono più cari tra gli dei, i semidei, gli eroi, le eroine, i veggenti e gli indovini?

A noi che amiamo il mare, il vento e le onde, piace ricordare le Nereide, le divinità marine, figlie di Nereo e di Doride e nipoti di Oceano, abitatrici dei mari e probabile personificazione della potenza delle onde del mare.  

Le Nereidi, si diceva, vivevano in fondo al mare, nel palazzo del loro padre, sedute su troni d’oro. Erano tutte bellissime. Occupavano il tempo a filare, a tessere e a cantare. I poeti le immaginavano anche mentre giocavano con disinvoltura fra le onde, mentre lasciavano galleggiare la loro capigliatura, mentre nuotavano qua e là fra i tritoni e i delfini.
Mitologia | Le Garzantine

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla nostra newsletter!

Ti potrebbe interessare..
  • Isole greche: lo straordinario arcipelago
    Le straordinarie isole greche
    Destinazioni
    Il Paradiso nel Mediterraneo
  • Come preparare e gustare il caffè geco
    Il Caffè Greco: molto più di una bevanda
    Cucina
    Il gusto del relax
  • Grecia: guida alla valigia perfetta
    Consigli Utili
    L'essenziale per una vacanza perfetta
  • Viaggiare in traghetto: quando la vacanza inizia con il viaggio
    Viaggiare in traghetto: quando la vacanza inizia con il viaggio
    Consigli Utili
    Quando la vacanza inizia dal viaggio
  • Il vino greco: un viaggio sensoriale alla scoperta dei colori e degli aromi della terra ellenica
    Il vino greco: un viaggio sensoriale alla scoperta dei colori e degli aromi della terra ellenica
    Cucina,Destinazioni
    Un viaggio tra le vie del vino
  • La Spiaggia del Navagio: uno spettacolo da non perdere
    La Spiaggia del Navagio: uno spettacolo da non perdere
    Destinazioni
    Alla scoperta di un magico relitto.
  • Ouzo, il tipico liquore greco
    L’Ouzo, l’inconfondibile aroma greco
    Cucina
    Il profumo più tipico della Grecia
  • Grecia: 10 posti incredibili tutti da scoprire
    Grecia: 10 luoghi incredibili tutti da scoprire
    Destinazioni
    La Top Ten dei luoghi più magici della Grecia